Articoli

Misure a sostegno dell’innovazione delle imprese 2022

Una breve panoramica sulle principali misure a sostegno dell’innovazione e la transizione digitale delle imprese per il 2022.

TRANSIZIONE 4.0.: serie di agevolazioni sottoforma di Crediti d’Imposta volte ad incentivare la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi:

Beni strumentali materiali e immateriali

  • 40% del costo per la quota investimenti fino ad 2,5 milioni di euro
  • 20% di costo per la quota investimenti oltre i 2,5 milioni di euro fino al limite di costi complessivamente ammissibili pari a 10 milioni di euro
  • 10% di costo per la quota investimenti oltre i 10 milioni di euro fino al limite di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro

Beni strumentali materiali e immateriali 4.0.: 20% del costo nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 1 milione di Euro.

Altri beni strumentali materiali/immateriali: 6% nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 1 milione di euro.

Ricerca e Sviluppo: misura pari al 20% delle spese agevolabili nel limite massimo di 4 milioni di euro

Innovazione tecnologica, green e digitale: 10% delle spese agevolabili nel limite massimo di 2 milioni di euro per la realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati mentre il 15% delle spese agevolabili nel limite massimo di 2 milioni di euro in caso di attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di un obiettivo di trasformazione dei processi aziendali secondo i principi dell’economia circolare o del paradigma 4.0.

Design e ideazione estetica: riconosciuto in misura pari al 10% delle spese agevolabili nel limite massimo di 2 milioni di euro.

Formazione 4.0.:

  • 50% delle spese e nel limite massimo annuale di € 300.000 per le micro e piccole imprese
  • 40% delle spese nel limite massimo annuale di € 250.000 per le medie imprese
  • 30% delle spese nel limite massimo annuale di € 250.000 le grandi imprese
  • Fino al 60% nel caso in cui i destinatari della formazione siano lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati.

Per maggiori info su requisiti e domande clicca qui.

BANDO DIGITAL TRANSFORMATION: misura a sostegno dei progetti delle MPMI di implementazione di tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. e tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, sulla base di una percentuale delle spese ammissibili del 50% suddivisi in: 10% contributo e 40% come finanziamento agevolato (importo spesa minimo 50.000€ e massimo 500.000€).

Per requisiti e domande clicca qui.

BANDO INNOVAZIONE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE: bando volto alla realizzazione dei progetti di innovazione, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale su temi di Industria 4.0.. Ciascun impresa può ricevere fino al 50% dei costi con un contributo massimo di 100.000€. Misura attuata dal MADE e attiva dal 25.01.2022 fino all’11.03.2022

Per maggiori info, clicca qui.

VOUCHER INTERNET: bonus erogabile alle MPMI con un importo compreso tra i 300 e i 2.500 euro per abbonamenti a internet di durata pari a 18/24 mesi. Risorse disponibili per 24 mesi dall’avvio della presentazione delle domande fino ad esaurimento del bonus stanziato oppure massimo entro il 15.12.2022.

Per maggiori info clicca qui.

SUPPORTO ALL’INNOVAZIONE NEL PROCESSO PRODUTTIVO: finanziamento agevolato fino a copertura del 100% delle spese ammissibili con una suddivisione del 60% o 75% fondi regionali a tasso zero, 40% o 25% fondi bancari a tasso convenzionato con un massimo di 50.000€ per impresa.

Per maggiori dettagli clicca qui.

NUOVA SABATINI: stanziati ulteriori 900 milioni di euro per la continuità della Nuova Sabatini, una misura che mira a rafforzare il sistema produttivo delle imprese attraverso l’acquisto di beni materiali (attrezzature, impianti, beni materiali, hardware e attrezzature) e immateriali (software e tecnologie digitali).

Per informazioni e accesso al bando, clicca qui.

SOSTEGNO ALLE STARTUP INNOVATIVE: Selezione di progetti per attività di sostegno alla creazione di startup e di tutoraggio e accompagnamento imprenditoriale.

Per info su requisiti e domande, clicca qui.

Per maggiori approfondimenti su progetti e software, non esitare a contattarci.

Digitalizzazione Imprese: Risparmio & Incentivi 2021

Quest’ultimo anno è stato una conferma di quanto il digitale, se inserito all’interno di una strategia, può rappresentare un valore aggiunto per il business.

Le imprese indipendentemente dal settore e dalla fase economica, hanno la necessità di reinventarsi e rinnovarsi per essere resilienti e competitivi in un mercato sempre più esigente.

Ma spesso, una tra le domande più comuni è:

Quanto effettivamente un’impresa può risparmiare digitalizzando i processi?

Una ricerca a cura di Sap Concur condotta in collaborazione con la Cgia di Mestre “Indagine sulla digitalizzazione e sui risparmi reinvestiti nelle imprese“, prende in analisi l’impatto della digitalizzazione su una medio-grande impresa con più di 50 dipendenti in un momento storico particolarmente critico come il fronteggiamento della crisi causata dal Covid19.

Un risparmio che si aggira tra i 10 e i 50 mila euro per il 37,7%, mentre più del 57% dichiara un vantaggio fino a 10 mila euro all’anno. Il 2% delle imprese dichiara un risparmio che va oltre mezzo miliardo di euro (Fonte Dati: La Stampa).

Nel 83% dei casi i risparmi vengono reinvestiti in azienda, all’incirca 1 impresa su 3 impiega solo in parte il vantaggio mentre un abbondante 34% lo utilizza completamente. Inoltre, dai dati emergono che un altro 14% prende in considerazione di reinvestire in un secondo momento e contrariamente, meno di 2 imprese su 10 corrispondente circa al 17%, impiegano il risparmio in altre esigenze.

A fronte di ciò, è interessante constatare che le aree in cui vengono impiegati i fondi si distinguono in: software, impianti, macchinari in primis con un 40%, a seguire Ricerca & Sviluppo al 18% e formazione 17%. Una percentuale inferiore al 10% riserva i fondi al Welfare Aziendale, alla Sostenibilità, ad assunzioni e a contratti.

Bonus & Agevolazioni Fiscali 2021 per l’Innovazione Digitale nelle Imprese

CREDITO D’IMPOSTA PER I BENI IMMATERIALI 4.0.: Agli investimenti in beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0. (tra cui software) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 15% del costo nel limite massimo di 700.000. Agevolabili anche le spese sostenute mediante soluzioni di Cloud Computing.

RICERCA, SVILUPPO E INNOVAZIONE: Credito d’imposta riconosciuto in misura pari al 12% delle spese agevolabili nel limite massimo di 3 milioni di euro per le attività di ricerca fondamentale, industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico e tecnologico. Mentre, per le attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti e processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati è riconosciuto:

  • Credito d’imposta pari al 6% delle spese agevolabili con un massimo di 1,5 milioni di euro.
  • Credito d’imposta pari al 10% delle spese agevolabili nel limite di 1,5 milioni di euro in caso di attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o innovazione digitale 4.0.

NUOVA SABATINI 2021: Misura che sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali. Le domande presentate dalle imprese a decorrere dal 01 Gennaio 2o21 prevedono l’erogazione del contributo in un’unica soluzione.